Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

07 mar 2018
L’ITALIA SMARRITA
Scritto da Piergiorgio |
Letto 281 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(1 Vota)

Quello che ci restituisce quest’ultima tornata elettorale, a mio parere, è un Paese smarrito, nel senso di perduto, che non sa bene cos’è e cosa voglia. Penso che nonostante tutto, osservandolo in profondità, il nostro Paese sia migliore di quanto appaia in superficie e di come venga narrato.

Potrò sbagliarmi, ma non penso che il voto espresso significhi adesione acritica per Lega o 5Stelle. Certamente una parte non piccola di coloro che hanno votato le due forze che si definiscono antisistema ne condividono idee e obiettivi, ma tanti altri hanno voluto esprimere un grido inarticolato di preoccupazione, paura e desiderio di cambiamento. A quanti vivono situazioni di insicurezza reale o percepita per situazioni di degrado sociale, microcriminalità e illegalità non è sufficiente ribadire principi di tolleranza, accoglienza e inclusione, oppure snocciolare statistiche volte a dimostrare che la realtà è differente, si devono offrire soluzioni, il che significa investimenti nel sociale inteso in senso ampio che producano davvero inclusione e accoglienza verso quanti vivono ai margini o nell’illegalità. Così come è necessario offrire risposte vere a quanti sono disoccupati, impoveriti e fuori dal circuito dei diritti così solennemente sanciti nella nostra Carta Costituzionale, il che comporta tenere la barra a dritta circa scelte economiche e sociali, non piegandosi all’impero della finanza e del mercato senza regole. In altre parole se si vogliono davvero sconfiggere i vari populismi, sovranisti e i risorgenti fenomeni xenofobie e razzisti, non basta declamare principi belli e altisonanti frequentando allo stesso tempo i salotti di coloro che del benessere della gente, dei più svantaggiati, dei poveri non importa niente perché prima vengono i loro interessi, i loro beni, l’accumulo, il potere. Quanti hanno davvero a cuore il destino del nostro Paese, il futuro nostro e delle nuove generazioni, a costo di passare per sognatori e illusi, devono riprendere a calcare la polvere delle strade, uscire dai palazzi, frequentare i luoghi dove vivono i tanti smarriti di questo momento, avendo il coraggio di proporre obiettivi alti e perseguendoli con tenacia e costanza senza sottostare a ricatti e convenienze di poco respiro. Affermare, per fare soltanto qualche esempio, che le tasse è giusto e doveroso pagarle tutti e in proporzione al proprio reddito, sarà retrò, rispetto al vento che soffia al presente, ma è l’unica strada che può permettere una società più giusta e inclusiva. Questa affermazione deve però accompagnarsi all’offerta di servizi per tutti efficienti e funzionanti, diversamente non si è credibili. La lotta all’evasione fiscale e all’elusione deve avvenire senza sconti e senza indulti, tramite un fisco non di rapina che si accompagni ad una educazione civica in grado di formare cittadini responsabili. L’accoglienza degli immigrati non può esaurirsi nel loro salvataggio in mare, ma attraverso percorsi reali di inclusione e valorizzazione degli stessi, vissuti come risorsa e non come problema. Quanti finiscono in prigione non possono essere la valvola di sfogo di rabbie inconsulte e desiderio di vendetta demandata allo stato, ma soggetti di recupero, di rinserimento nella società attraverso percorsi ideati, ad esempio, nella recente riforma penitenziaria, poi rimasta ai blocchi di partenza. Io credo che lavoro da fare ce ne sia tanto per chi si voglia impegnare in politica in questo momento, ma perché non sia un fare politica sulla pelle della gente, mettendo gli uni contro gli altri, c’è bisogno di una classe dirigente seria, motivata, umile e più che mia decisa a dare attuazione a quei principi costituzionali che potrebbero fare del nostro Paese un modello vincente di società, e non di arruffa popoli e prestidigitatori della parola, degli slogan ad effetto.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

192372
OggiOggi182
IeriIeri562
Questa settimanaQuesta settimana1904
Questo meseQuesto mese8438
TuttiTutti192372