Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

28 giu 2020
IL DOVERE DI RIMANERE UMANI
Scritto da Piergiorgio |
Letto 208 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

È durata solo un istante, come lampo che guizza all’improvviso sotto un cielo plumbeo, l’illusione che avessimo finalmente ritrovato quel minimo di saggezza capace di proiettarci verso un futuro migliore; più giusto.

Passata la paura che per un tratto ci ha paralizzati, facendoci sentire parte di un unico destino, ecco tornare a farsi strada gli antichi, e mai realmente rimossi, egoismi personali, di gruppo e nazionali. S’erano solo provvisoriamente acquetati, o molto più probabilmente erano stati silenziati sui mezzi di comunicazione, mentre continuavano ad agire del tutto indisturbati ed ora si riversano su masse frastornate, impaurite e arrabbiate, suonando l’eterna immarcescibile solfa per accalappiare, con lusinghe, consensi emozionali. Servirebbero intelligenze sagge, provvedimenti politici coraggiosi, indirizzi di politica economica, fiscale e di giustizia sociale innovatori capaci di tracciare un cammino alternativo a quello compiuto fino ad ora, che è parte rilevante del problema nel quale abbiamo rischiato di naufragare. Ma non si vede niente all’orizzonte che assomigli a quanto sarebbe necessario fare perché la svolta, a chiacchiere auspicata, abbia una plausibile possibilità di attuazione. I vari soggetti in campo, sia a livello nazionale, che europeo, per restare nel nostro mondo, paiono, i più “coraggiosi”, giocare di rimessa e non si accorgono, così facendo, di fare il gioco di quanti il cambiamento lo avversano da sempre, aprendo autostrade ai vari sovranismi e fascismi che non attendono altro che si incendino le piazze per poter mestare nel torbido, la loro unica capacità, nella quale sono maestri. Tra i vari esempi emblematici di questa incapacità o riluttanza ad affrontare di petto i problemi spinosi aperti, due mi paiono esemplari: la pervicace ostinazione a spendere somme ingenti negli armamenti, sia in acquisti, sia nelle vendite (in genere a paesi tutt’altro che democratici) e la disumana condizione nella quale sono costrette a sopravvivere migliaia di persone alle porte dell’Europa; sbarrate e filo spinate di cui l’isola greca di Lesbo rappresenta l’emblema vergognoso della disumanità di un continente. A nulla valgono le commemorazioni di passate tragedie se non sappiamo farci carico delle attuali e “niente è più disumano del chiudere la porta quando qualcuno ti chiede aiuto e ti implora di poter entrare. Abbiamo perso la Bellezza di aprire le braccia verso chi ci corre incontro”. (Anonimo) Abbiamo il dovere di rimanere umani, ma lo possiamo fare soltanto impegnandoci perché a nessuna persona sia preclusa la possibilità di vivere in modo dignitoso, poter sognare i nostri stessi sogni, danzare la stessa gioia, e progettare il proprio futuro.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

648509
OggiOggi74
IeriIeri1225
Questa settimanaQuesta settimana8582
Questo meseQuesto mese11740
TuttiTutti648509