Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

Ultima modifica Giovedì 24 Dicembre 2020 19:28
24 dic 2020
NATALE 2020
Scritto da Piergiorgio |
Letto 119 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

Il presepio era povero in casa nostro, da bambini; si intonava necessariamente con il resto della nostra abitazione che non aveva nulla delle comodità venute in seguito. Ma questa era condizione comune a tutti in paese.

Anche le nostre case erano  per certi aspetti dei presepi viventi; solo che avevano un maggior numero di “bambinelli”. Magari non dormivano proprio sulla paglia, ma stipati come piselli in un baccello, questo sì. Il presepio lo si faceva con il muschio che raccoglievamo nei boschi e poi ci si affidava alla fantasia e alla intraprendenza di ciascuno. L’albero lo tagliavano i grandi di nascosto, portandolo in casa a ore perse, mentre le mamme si incaricavano di addobbarlo: poche palle colorate, qualche biscotto, qualche caramella e poche candeline di cera che si accendevano a risparmio. Sotto l’albero non c’erano pacchi dono. A quelli, nel caso se ne fosse ricordata, aveva già provveduto a recapitarli santa Luzia. Ma in genere si comportava da verduraia, lasciandoci nel piatto un po’ di frutta: mandarini, qualche arancia, fichi secchi e noccioline (bagigi). Un presepio bello grande era eretto in chiesa. Quello aveva statuine molto più grandi; aveva laghi, monti, il castello di Erode e cammelli grandi come dei conigli. In qualche casa dove c’era qualche mezzo artista, si potevano ammirare dei presepi che incantavano la vista, come quello del Federico, che era arricchito da uccelletti fatti con il  legno e con le ali che sembravano rubate a quelli veri, tanto sembravano in procinto di volare. Non c’era il cenone di Natale. La cena della vigilia era simile a quelle degli altri giorni e per dessert c’era la funzione religiosa in chiesa. Sopra il tabernacolo c’era un Bambin Gesù quasi a grandezza naturale. Forse era infreddolito quanto noi, dentro la chiesa che non era riscaldata, però di certo non soffriva di  buganze (geloni). Tornati a  casa accendevamo una della quattro cinque scintille di natale (che chiamavamo razzi) appese all’albero, gustandoci meravigliati quello schizzo di stelline nel buio della stanza. Però il pranzo del giorno di Natale, beh, quello sì, era più ricco e più gustoso di quello degli altri giorni. Anche se poveri, le feste grandi (Natale, Pasqua e Sagra) avevano tavole imbandite in modo diverso. Il vestito della festa si smetteva dopo Messa granda perché non si sciupasse, ma in casa si respirava aria di festa che profumava di affetto, di gioia allegria e serenità, forse più di adesso.

***

È buio più che mai in questo tuo Natale, Signore, ma tu vieni ancora. Non ti stanchi mai di venire da noi e lo fai, come hai sempre fatto, scegliendo le periferie esistenziali di chi sopravvive rosicchiando ore alla vita con fatica, come chi non ha un tetto, un lavoro, manca di salute, è privato di diritti, è cacciato, perseguitato, incarcerato, fugge dalla fame, dalla guerra, è disconosciuto, umiliato, confinato ai margini, fuori le mura. Servono occhi di pastori reietti, di pagani come i maghi d’Oriente per riconoscerti nell’umanità negata di tutti questi che boccheggiano invocando fraternità e tenerezza. Ne saremo capaci? Saremo capaci di accendere fiaccole di speranza in grado di illuminare questa notte? È questo che ci è chiesto da te che hai assunto la nostra carne ferita. Allora potremmo cantare con gli Angeli pace in terra agli uomini amati da Dio. Buon Natale.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

816151
OggiOggi343
IeriIeri435
Questa settimanaQuesta settimana231
Questo meseQuesto mese26560
TuttiTutti816151