Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

28 set 2021
FUORI DAL CORO
Scritto da Piergiorgio |
Letto 174 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

C’era da aspettarselo che dopo quanto accaduto all’ormai  ex spin doctor del leader leghista, indagato per cessione di droga, Morisi, si scatenasse la reazione che abbiamo potuto leggere sulla stampa e più ancora sui vari social.

Reazioni talvolta scomposte e dello stesso segno che caratterizzavano i post di Salvini, a quanto pare suggeriti dallo stesso Morisi, a capo dello staff che si occupava della propaganda del senatore. Ci si potrebbe limitare a prenderne atto e magari aggiungere, a chiosa, il noto proverbio: chi semina vento raccoglie tempesta. Se non siamo migliori dei nostri avversari, quanto a uso delle parole, anche dure di condanna per atteggiamenti e linguaggio di quanti ci sono avversari, e li trasformiamo a nostra volta in nemici verso i quali tutto è legittimo, non siamo migliori di loro. Sarebbe inutile rifare la cronistoria di tutti le volgarità e i messaggi di odio, di disprezzo, di razzismo di cui trasudava il dire di Salvini nelle più diverse circostanze, e quando è accaduto, per quanto mi riguarda non ho mai. Ora però per la vicenda in questione sarà la magistratura a stabilire eventuali reati e responsabilità. A differenza del loro dire io no piego all’affermazione tante volte sentita e risentita: chi sbaglia paga. Credo che chiunque sbaglia, accanto alla doverosa sanzione, trovi anche sempre possibilità di redimersi, per usare un termine forse in disuso, ma che non possiamo espungere dal nostro lessico se non vogliamo precipitare nella barbarie. Le parole più umane che ho trovato e che condivido, tanto più che vengono da una persona che proprio da questi soggetti oggi all’onore (disonore) della cronaca ha subito un vero è proprio linciaggio, sono quelle di Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano ammazzato da chi doveva custodirlo in carcere. Eccole in un suo post su Instagram: «Ora so che tutte le durissime prese di posizione di Matteo Salvini contro Stefano Cucchi e la mia famiglia hanno un volto: Luca Morisi, indagato dalla Procura di Verona per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Così almeno leggo sui giornali. Leggo delle sue pubbliche scuse a Salvini ed al partito: ‘Ho delle fragilità irrisolte’. Così si giustifica. Quanta gratuita sofferenza ci ha inflitto oltre al dolore per Stefano. Eppure io lo perdono. Lo perdono perché mi piace pensare che abbia capito e che ora condivida la disperazione che portiamo sulle spalle. Lo perdono. Sì. Però Stefano lo hanno ammazzato». Grazie Ilaria per queste tue coraggiose parole.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1002572
OggiOggi404
IeriIeri519
Questa settimanaQuesta settimana237
Questo meseQuesto mese15783
TuttiTutti1002572