Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

04 mar 2022
UNA CATENA UMANA CONTRO LA GUERRA
Scritto da Piergiorgio |
Letto 268 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

Abbiamo tutti bisogno di cambiare condotta se vogliamo che tronfi la vita. Pensare che debbano essere solo gli altri a doverlo fare, è non riconoscere che gli ingredienti che suscitano ostilità risiedono in ciascuno di noi.

Sono i nostri cuori che dobbiamo imparare a disarmare innanzitutto, se vogliamo essere costruttori di pace e non semplici ripetitori di parole d’ordine inneggianti la pace. Dobbiamo imparare a saper vedere e accogliere il dolore e lo strazio di tutte le persone coinvolte nel conflitto in corso in Ucraina; medicare le ferite di tutti e ristabilire rapporti fraterni infranti dalla cupidigia di pochi e dalla smania di potere di chi la guerra la fa fare agli altri. Per quanto difficile e per certi versi paradossale è da seminare già oggi, già da sotto le bombe, i semi che potranno far rifiorire la pace. Nella giustizia, certo, ma non si può attendere che termini la guerra perché le lacrime, lo strazio ed il dolore per i morti e i feriti dell’una e dell’altra parte trovino in noi, che non siamo direttamente coinvolti, ospitalità e mitigazione. Questa guerra, come le tante altre, silenzia brutalmente la voce di bambini e giovani innocenti. Che hanno da spartire con il dittatore Putin, con il suo cerchio magico ed i gaudenti ingrassati alla sua ombra, i poveri coscritti strappati alle famiglie di  quella Russia povera ma dignitosa buttati allo sbaraglio contro un popolo fratello che non ha fatto loro niente? Potessero sapere, potessero reagire e ribellarsi, ma sono tenuti schiavi ed ignoranti. Le loro grida di dolore e le paure che li attanagliano sul campo sono per tanti versi le stesse di quanti da quest’altra parte avrebbero voluto soltanto godere di libertà e dei sogni che tutta la gioventù si porta dentro a vent’anni. È questa mattanza di giovani che mi induce orrore ed il futuro che hanno precluso dopo che è stato  loro frantumato l’oggi. E dello sguardo smarrito dei bambini che dire? Come è possibile coscientemente recare loro dolore? E i vecchi che meriterebbero soltanto giorni sereni e il nostro grazie per quanto ci hanno dato con vite spese fino a consumarsi perché figli e nipoti potessero godere di giorni migliori? Quanto siamo stolti noi uomini e quanto tardi a capire che c’è un solo modo di stare al mondo: volerci bene. Sarà anche difficile talvolta, ma non è forse più faticoso combattere che fare l’amore? Intanto ingrassano i produttori e venditori di armi. Per non farsi mancare un posto a tavolo di questo sporco commercio anche il nostro Paese non ha esitato a cestinare leggi e Costituzione con voto quasi unanime di un Parlamento che ha smarrito il senso più vero e autentico del vivere civile. Sono tanti i corifei, i banditori che inneggiano al sacro dovere di “armatevi e partite”. Le poche chance che abbiamo di non soccombere alla montagna di menzogne che piovono quanto i proiettili e le bombe in questi giorni, risiede certo nella condanna senza reticenza dell’invasione, ma  anche di tutte le narrazioni interessate e specularmente complici di chi ha commerciato fino a ieri col dittatore fingendo di non vedere quanto faceva in casa sua e in altri contesti dove ancora si muore. È una catena umana immensa quella che siamo chiamati a fare, fatta di chi la guerra la odia e non la vuole fare, che vada da Cabo da Roca alla penisola della Kamčatka.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1120547
OggiOggi344
IeriIeri665
Questa settimanaQuesta settimana761
Questo meseQuesto mese16884
TuttiTutti1120547