Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

08 giu 2022
IL CIELO DI SOTTO
Scritto da Piergiorgio |
Letto 403 volte | Pubblicato in Il mio blog
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

Quando la morte bussa alla porta del nostro cuore, viene a scompaginare la nostra vita quotidiana, specie se colpisce persone ancora giovani, nel fiore degli anni,

come è accaduto a me in questi giorni con la morte del mio amato nipote 35enne, Daniele, vinto dalla leucemia dopo oltre due anni e mezzo di contrasto alla malattia, è spontaneo e normale per tanti, rivolgere domande a un cielo di sopra alla ricerca di un perché da attribuire a un dio avvertito, nella migliore delle ipotesi come assente, se non sadico e indifferente alla nostra condizione umana. Da che esiste l’uomo ragionevole ci si è sempre chiesti il perché del dolore innocente. Nessuna risposta è in grado di offrire, per quanto magari nobile e plausibile, conforto, consolazione. C’è chi, non potendo, perché non ci crede o perché ha timore di rivolgere alla divinità interrogativi che gli appaiono possibili bestemmie, ripiega su una spiegazione che a ben guardare è solo un tentativo di sfuggire alla domanda, affermando che la vita è ingiusta. Io non credo che la vita sia giusta o ingiusta. La vita reale è quella che è. A volte piacevole, tante altre sgradevole, noiosa e perfino brutta. Siamo noi a poterle dare un senso e lo possiamo fare, eventualmente, assumendola per come è; cambiandola là dove ci è possibile e promuovendola in tutto ciò che è positivo, bello, desiderabile. Anche nel dolore, nella sofferenza è possibile continuare ad amare, ma condizione previa è che ci si alleni a farlo ogni giorno, non attendendo la prova difficile per farlo. Ne usciremmo sconfitti. Io non so dire se Daniele abbia o meno fatto questo; se si sia allenato in precedenza. A giudicare da come ha saputo affrontare la malattia mi viene da pensare di sì perché lo ha fatto in modo ammirevole, con speranza, fiducia e determinazione. Ho un’altra convinzione, che nella prova davvero dolorosa vissuta sia stato sostenuto dalla vicinanza, il più delle volte, a causa delle restrizioni sanitarie, non in presenza, dei famigliari, dei parenti e degli amici e dalla preghiera incessante e costante di tantissime persone. Sì, io credo davvero che la preghiera, espressa nei modi più diversi, da credenti o non credenti, sia una forza vitale potente. Ecco, è questo il cielo di sotto che a mio avviso ha sostenuto e accompagnato Daniele e tutti noi fino a farci sentire parte di una famiglia dall’apertura universale. Se un dio esiste, per me è il Padre svelatoci da Gesù di Nazareth. In lui, come afferma l’apostolo Paolo, viviamo ci muoviamo, esistiamo. Non ho neppure io una risposta al perché della sofferenza e del dolore. Ho trovato un senso nell’esperienza di vicinanza, affetto, solidarietà di tante e tanti e nelle cure premurose prestate a Daniele dal personale medico e infermieristico durante i suoi ricoveri ospedalieri. La fede mi conforta nella certezza che la sua morte non è la fine di tutto, ma un inizio, che mi è e ci è accanto e che ci rivedremo.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1176304
OggiOggi245
IeriIeri504
Questa settimanaQuesta settimana2238
Questo meseQuesto mese16988
TuttiTutti1176304