Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 
set 2007
E-mail
Stampa
PDF

Piergiorgio Bortolotti, nella silloge “Sottovoce”, rivela una continua tensione a rappresentare un superamento lirico delle formulazioni che nascono da un attento sguardo rivolto alle vicende della vita, una propensione a focalizzare i “momenti sospesi nel vuoto” e, in ultima istanza, a fissare le illuminazioni nel trascorrere “gelido” del tempo.

…Nella poesia di Piergiorgio Bortolotti un ruolo fondamentale occupa la figura simbolica dell’ “Uomo sospeso”, come “funambolo” in perenne lotta con il vuoto della vita dove tutto è appeso ad un sottile filo: un minimo gesto, un lieve errore, uno spostamento incauto ed è subito spezzato. La vita comporta dover fare i conti con le speranze deluse, con le ferite subite e inferte, con gli abbandoni e i sogni “sconfinati”: occorre gettarsi nel profondo delle cose nascoste per farle emergere immaginare lampi di luce dentro gli sguardi opachi… …La vita si rinnova di continuo… (Massimo Barile)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

205634
OggiOggi166
IeriIeri370
Questa settimanaQuesta settimana817
Questo meseQuesto mese8865
TuttiTutti205634