Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 
Rimembranza
Letto 1650 volte | Pubblicato in Orizzonti interiori

Tu.

Tu mi rubasti un sogno,

che pur  mi era caro,

prezioso,

grande;

anche se ormai nascosto,

dentro i meandri,

di un pensiero

incerto.

 

Bastò il tuo sguardo birichino;

poche parole bisbigliate,

quasi furtive,

in quella sera complice

di maggio.

Lasciai ogni incertezza…

 

Con te nel cuore,

con dentro il cuore

te soltanto,

percorsi, solitario,

sentieri sconosciuti

e nuovi.

M’era compagna la fantasia,

con le lusinghe sue

e tanti sogni.

 

Il tuo sorriso… (Dio, il tuo sorriso!),

la luce che avevi dentro gli occhi,

le parole rubate lungo strada

all’imbrunire,

riempirono i miei giorni…

 

E non mi accadde più,

da allora.

Era l’armonia

totale;

la tenerezza

fatta vita;

… un’ubriacatura,

che io chiamavo

amore.

0 iscritti

Iscrizione ai commenti

Ricevi le notifiche via email quando un nuovo commento viene aggiunto in questo intervento.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

254371
OggiOggi85
IeriIeri209
Questa settimanaQuesta settimana635
Questo meseQuesto mese2832
TuttiTutti254371