Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 
PRIMAVERA
Letto 1282 volte | Pubblicato in Orizzonti interiori

Il giorno s’è allungato

e anche le foglie sbocciate di fresco

sui rami odorosi dei tigli.

E si indugia fuori casa,

sui balconi,

mentre il cielo si oscura lentamente

spegnendo i rumori,

attutendo le voci.

E i profumi sono gli stessi…

… sono quelli di un tempo remoto…

Li avverto presenti nell’aria;

come allora,

quando sedevo in disparte ad attendere

di vederti passare.

Sono proprio gli stessi profumi inebrianti;

soavi,

leggeri.

Ed erano dolci a quel tempo,

e lo sono anche ora,

come le carezze che avrei voluto

regalarti

o anche ricevere in dono,

e che invece ci scambiavamo soltanto

con gli occhi,

quando c’incontravamo.

Le stelle, lassù in alto,

sorridevano compiacenti,

in quelle sere di maggio:

sere magiche,

come i ricordi di adesso.

Soltanto il tuo viso; il tuo sguardo,

mi appare nebuloso.

Forse è per questo,

che è ancora più bello…

1 iscritti

Iscrizione ai commenti

Ricevi le notifiche via email quando un nuovo commento viene aggiunto in questo intervento.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

254376
OggiOggi90
IeriIeri209
Questa settimanaQuesta settimana640
Questo meseQuesto mese2837
TuttiTutti254376