Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 
Preghiera nuda
Preghiera nuda

Un semplice sguardo stupito; un anelito che viene dal cuore, un grido di gioia oppure di dolore. Il sentire o il pensare che si fa talvolta parola, altre volte, resta muto… Ma Qualcuno mi ascolta: sempre. Ne sono certo, anche se non ricevo risposta; non sempre, e non come mi aspetto. L’Amore, però, comunica anche col silenzio. A me parla anche in quello…

1 iscritti

Iscrizione alla categoria

Ricevi le notifiche via email quando un nuovo intervento viene aggiunto in questa categoria.

Scenda a noi dall’alto,

fiorisca in ogni cuore;

come spiga matura

la generi la terra,

e come rugiada nivea

sia balsamo a ogni dolore.

E sia dono per tutti:

dono gratuito e pieno;

misura traboccante.

Nessuno abbia meno del massimo:

benessere

prosperità

sicurezza del diritto

armonia

integrità.

Misericordia incontri,

danzando,

Verità.

Volteggino festanti,

sopra ogni piazza al mondo,

lungo tutte le strade,

e dentro ogni casa:

ovunque.

Sui monti, in cima ai colli,

lungo ogni pianura,

Giustizia e Pace si bacino

di fronte a tutti gli uomini,

in questo nuovo anno.

L'odio, ceda all'amore,

la contesa all’armonia.

L'integrità componga

ogni frantumazione,

La luce scacci le tenebre;

fiorisca la speranza

dove domina disperazione.

Si aggiunga un posto al tavolo,

della famigliarità,

ovunque ci sia un vuoto

dell’estraneità.

Al posto della morte,

rinasca ovunque Vita:

Vita piena per tutti.

Nel silenzio

che accompagna

la sera,

mi abbandono

al canto

del cuore.

Fuori tace ogni rumore;

anche in me,

è il silenzio…

Nel profondo

il tuo passo sereno;

la tua voce,

quasi brezza leggera,

mi parla con parole

d’amore.

E io ascolto rapito…

Mi abbandono,

senza più esitare…

Fammi viver di te;

fammi nuovo!

Vorrei che scoppiasse… la pace,

la tua Pace, nel mondo, Signore!

Vorrei che si abbattesse sul mondo come un pugno

da occhi neri…

Che accadesse di primo mattino,

quando l’alba risveglia i cuori a nuovo giorno.

Vorrei risvegliarmi in una nuova primavera

nella quale il pianto di tanti, di troppi,

fosse solo un ricordo;

dove a pranzo ed a cena ci fosse un piatto

per tutti,

e la sera un morbido letto anche per

il clochard.

Vorrei che l’annuncio fosse un ballo di persone felici,

capace di fare invertire la rotta alla Terra,

con grida di gioia in grado di coprire gli osanna

su in Cielo.

Vorrei che scoppiasse… la pace, la tua Pace, Signore!

Vedere colmarsi ogni vuoto,

appianare ogni strada,

sparire ogni piaga,

asciugare ogni lacrima,

dissolvere ogni paura,

e tutto attorno sentire cantare: PACE, SHALOM, SALAM.

Milioni di mani stringersi,

occhi gioiosi guardarsi,

barriere abbattute,

fucili spezzati

e delle armi di morte un grande luna park.

Alla sera accendere un grande falò

che illumini il volto di ogni uomo

divenuto soltanto fratello

e tutti sentirci figli, amati da te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Succ. > Fine >>
Pagina 9 di 9

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

248080
OggiOggi136
IeriIeri251
Questa settimanaQuesta settimana989
Questo meseQuesto mese3364
TuttiTutti248080