Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 
Amarti
Letto 2296 volte | Pubblicato in Stagioni

Mi specchio nei tuoi occhi

e mi percuote un fremito,

che mi attraversa subito.

Abbandonato all’impeto,

dei baci tuoi più teneri,

traboccano i miei sensi,

come spumeggia il vino,

nei tini dell’autunno.

Sotto il mio corpo turgido,

tu ti modelli tutta.

Per me tu ti fai concava,

nido accogliente, umido.

Assieme dentro la nuvola,

di Fantasia  più fervida,

planiamo sopra prati:

vallate, colli, monti,

e poi cascate limpide;

fino a toccare il limite,

del desiderio puro.

Dentro, il tramonto or scende;

la pace è ormai raggiunta.

Ed è accogliente il perdersi,

in un abbraccio unico:

un corpo, un solo spirito;

un fiato, un sol pensiero.

0 iscritti

Iscrizione ai commenti

Ricevi le notifiche via email quando un nuovo commento viene aggiunto in questo intervento.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1147438
OggiOggi388
IeriIeri634
Questa settimanaQuesta settimana2078
Questo meseQuesto mese6441
TuttiTutti1147438