Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

15 giu 2022
Non siate simili agli ipocriti Mt 6,1-6. 16-18
Scritto da Piergiorgio |
Letto 76 volte | Pubblicato in Sulla tua parola
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

6 1State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c'è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. 2Dunque, quando fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente.

In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. 3Invece, mentre tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, 4perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
5E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. 6Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

16E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti, che assumono un'aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. 17Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, 18perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

 

Come conciliare l’invito del vangelo odierno che suggerisce di praticare la giustizia, l’elemosina, la preghiera, il digiuno in maniera quasi non visibile con l’invito, in altra parte del vangelo, ad essere come lampada che non va nascosta e come luce che illumina, quindi ben visibile, perché così sia resa gloria al Padre? L’apparente contraddizione si spiega con il fatto che il Signore non ci domanda affatto di agire in modo nascosto, non visibile agli altri, ma di farlo non per ostentazione, per farci ammirare dagli altri, ma per rispondere a una chiamata che è quella di testimoniare con una condotta di vita coerente il nostro essere credenti. Se una persona è brava a cantare, per fare un esempio, oppure a intrattenere gli altri nella conversazione, non è che ha bisogno di scriverlo su un cartello da portare al collo. Nel momento in cui, per le circostanze, si trova a dover cantare o a conversare con altre persone, lo si coglie subito, tanto è chiaro. Così anche il credente che ha fatto e fa suo il vangelo, interiorizzandolo, lo si vedrà dal suo modo di vivere in modo gioioso e spontaneo quello in cui crede senza bisogno di mettersi in mostra con atteggiamenti infantili, esaltando le proprie azioni.

1 iscritti

Iscrizione ai commenti

Ricevi le notifiche via email quando un nuovo commento viene aggiunto in questo intervento.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1147449
OggiOggi399
IeriIeri634
Questa settimanaQuesta settimana2089
Questo meseQuesto mese6452
TuttiTutti1147449