Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

Ultima modifica Mercoledì 13 Luglio 2022 04:59
13 lug 2022
Il Padre e il Figlio Mt 11,25-27
Scritto da Piergiorgio |
Letto 208 volte | Pubblicato in Sulla tua parola
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

25In quel tempo Gesù disse: "Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli.

26Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. 27Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.

 

Non si capisce con quale motivazione i liturgisti operino i tagli dei brani di vangelo offerti alla riflessione come nel caso odierno. Detto questo le poche righe proposte alla nostra attenzione, oggi, sono sufficienti a farci comprendere una verità essenziale; e cioè che abbiamo un solo modo per conoscere il Padre (Dio): rivolgere la nostra attenzione a Gesù che ne è la rivelazione. Ogni nostra riflessione su Dio, l’inconoscibile, per quanto ardita finirebbe per portarci fuori strada e restituirci, nel migliore dei casi un’idea di lui che è una proiezione del nostro argomentare. Con questo non intendo affermare che ogni speculazione riguardo a Dio sia fuori luogo, ma semplicemente ribadire che la via più sicura e certa è quella di farlo passando attraverso il figlio Gesù, la sua vita, quanto ha detto e fatto. In questa conoscenza che si potrebbe dire di tipo esperienziale, più che speculativa, i piccoli, ossia le persone che agli occhi del mondo non contano, sono più avanti, sorpassano di qualche buona lunghezza i migliori teologi e certamente quanti detengono il potere religioso.

1 iscritti

Iscrizione ai commenti

Ricevi le notifiche via email quando un nuovo commento viene aggiunto in questo intervento.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1221969
OggiOggi88
IeriIeri261
Questa settimanaQuesta settimana243
Questo meseQuesto mese2948
TuttiTutti1221969