Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin 

Articoli più letti

02-05-2009

NON RIESCO A RASSEGNARMI

Miguel, è un nome che suona dolce come un claves. E tu eri una persona...

03-05-2009

SOLTANTO BARBARIE

  Cara Delara Darabi, io non so se tu eri colpevole come ti sare...

18-05-2009

ERA SOLTANTO UN SOGNO

Il barcone veleggiava, sì fa per dire, verso le coste africa...

06-06-2009

LO SPORT PREFERITO

Ci vuole un genio per fare le vere domande- diceva Oscar Wilde- e non ...

Ultima modifica Mercoledì 03 Agosto 2022 05:11
03 ago 2022
Donna, grande è la tua fede! Mt 15,21-28
Scritto da Piergiorgio |
Letto 130 volte | Pubblicato in Sulla tua parola
Dimensione carattere Riduci grandezza carattere incrementa grandezza carattere
Valuta questo articolo
(0 voti)

21Partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidone. 22Ed ecco, una donna cananea, che veniva da quella regione, si mise a gridare: "Pietà di me, Signore,

figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio". 23Ma egli non le rivolse neppure una parola. Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: "Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!". 24Egli rispose: "Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d'Israele". 25Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: "Signore, aiutami!". 26Ed egli rispose: "Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini". 27"È vero, Signore - disse la donna -, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni". 28Allora Gesù le replicò: "Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri". E da quell'istante sua figlia fu guarita.

 

Ci sono degli atteggiamenti da parte di Gesù, così come sono narrati nei vangeli, che suscitano ad una prima lettura un certo sconcerto. Quello descritto nel vangelo di oggi è uno di quelli. Molti predicatori si sbizzarriscono talvolta nel presentare delle spiegazioni volte a giustificare il Signore e non si accorgono, così facendo, di offrire un pessimo servizio. Perché non ammettere che Gesù, in quanto uomo, si possa essere trovato di fronte a delle occasioni che lo hanno per così dire messo in crisi (nel senso etimologico di scelta), che lo hanno costretto a rivedere in qualche misura il suo agire? Questo non lo renderebbe meno credibile; tutt’altro. Ci sono degli snodi nella vita di Gesù, come scrive Lilia Sebastiani nel suo libro Svolte[1] che hanno rappresentato per lui un progresso nella comprensione della sua missione. La donna cananea, con la sua grande fede, tale da meritarle l’elogio stesso di Gesù,  lo ha spinto ad aprirsi ai pagani. “La vita nuova che Gesù è venuto ad offrire – scrive la Sebastiani – è troppo importante e decisiva per rimanere riservata, limitata alle attese di un popolo solo. Anche se concepita così all’inizio, dovrà poi necessariamente estendersi anche ad altri, all’umanità intera”.



[1] Svolte, donne negli snodi del cammino di Gesù – Cittadella Editrice

1 iscritti

Iscrizione ai commenti

Ricevi le notifiche via email quando un nuovo commento viene aggiunto in questo intervento.

Contatti

Da:
Oggetto:
Nome:
Messaggio:
Please enter the following
 Help us prevent SPAM!

Accesso riservato

Copyright & Credits

I contenuti di questo sito non possono essere riprodotti, copiati, manipolati, pubblicati, trasferiti o caricati, con nessun mezzo, senza il consenso scritto dell'autore.

E' vietata l'utilizzazione, anche parziale, sia per scopi commerciali che no profit.

Chi avesse interesse ad usufruire di contenuti di questo sito è pregato di contattarmi.


Contatore visite

1176268
OggiOggi209
IeriIeri504
Questa settimanaQuesta settimana2202
Questo meseQuesto mese16952
TuttiTutti1176268